Drinknews

Caffè americano, che passione!

Milano pronta ad accogliere il primo Starbucks in Italia.

Il caffè piace, in particolare il lunedì mattina sembra avere un gusto irresistibile! Di ritorno da un weekend impegnativo nei locali Drinkout, rimettersi alla scrivania può essere un dramma. Per non rischiare di crollare, oggi occorre fare scorta di caffè! Perchè non provare con una mug di americano?

Da anni, Hollywood esporta con cinema e serie tv, tendenze come quella dei bicchieroni di caffè take away, le “mug”, grandi protagoniste della vita sociale e culturale americana. Per noi italiani il caffè è un culto, così come la pastasciutta, la pizza o il calcio. Il nostro «espresso» è conosciuto world wide e molto difficilmente tolleriamo le sue varianti annacquate proposte all’estero, ma oggi scopriamo di cosa si tratta!

Caffé americano VS. Espresso

Il caffé americano mantiene le stesse proprietà e gli stessi benefici del caffé espresso, mentre cambiano il sapore, l’aroma e il gusto. è sicuramente meno forte e dal sapore meno intenso, per questo molti italiani lo disprezzano considerandolo un “caffé annacquato”. La differenza tra i due sta nella preparazione e nelle miscele utilizzate, e si percepisce nella consistenza e nel gusto meno aromatico e concentrato.

Il nostro espresso è ottenuto attraverso l’ebollizione dell’acqua, che abbracciando la miscela di caffé, agisce sugli oli e sulle proteine, creando un'emulsione densa e consistente. Il Caffé Americano, invece, è realizzato per infusione, perché altro non è che un infuso.

Starbucks e il Caffé Americano, storia di un successo

Qual è la prima cosa che vi viene in mente quando sentite dire “Caffé Americano”? Sicuramente una tazza fumante di Starbucks, e come darvi torto! Tra le varie catene di caffé, la più conosciuta è sicuramente lei e nonostante siano anni che la notizia del suo sbarco in Italia arriva e poi svanisce, il momento sembra arrivato!

Secondo indiscrezioni, nel 2016 anche noi potremo bere frappuccino o caramel mocha senza dover uscire dai confini italiani. Milano è stata scelta per l’apertura del primo punto vendita italiano, mentre Londra ha da poco inaugurato Starbucks Reserve, il primo punto vendita autorizzato a servire alcolici dalle 16 alle 21. Passi da gigante per il colosso che offre sempre wi-fi e tablet intelligenti ai suoi clienti.

E voi, preferite il classico italiano o aspettate trepidanti Starbucks?

Qualunque sia la vostra preferenza, a breve potrete condividere il piacere di una tazza fumante con chi volete, offrendo un caffè sospeso nei locali convenzionati con Drinkout.

Avete già scaricato l’app? Dal 10 Dicembre saranno disponibili nuove funzionalità. Scopritele tutte!

Author

alice pomiato